EVENTO 21 ottobre 2021

Coesione territoriale 2021-2030: cambiamenti strutturali e strategici per lo sviluppo e la convergenza socioeconomica del Paese

Il prossimo 21 ottobre, presso la Stazione Marittima di Napoli, si terrà l’importante evento di Confindustria, organizzato nell’ambito del Consiglio delle Rappresentanze Regionali (CRR).

 

L’evento “Sud e Nord insieme verso l’Europa” vuole rappresentare un grande momento di confronto tra il sistema della Rappresentanza regionale di Confindustria e le Istituzioni Politiche e Amministrative europee, statali e regionali, per condividere analisi, strategie e obiettivi, programmi, progetti e strumenti di cambiamento strutturale e strategico per lo sviluppo e la convergenza socioeconomica di tutto il Paese con l’Europa.

 

Nella sessione mattutina, con la presenza del Ministro Giovannini, interverrà il Presidente di Confindustria Abruzzo, Marco Fracassi, insieme ad altri Colleghi e Presidenti di Regione, sulla tematica relativa a “Infrastrutture, Territorio, Mercati”.

{“type”:”block”,”srcClientIds”:[“54ed28f7-f25d-4c2e-8cd6-bdd93f358151″],”srcRootClientId”:””}

Nel 2021 si apre un decennio cruciale per il futuro del nostro Paese, grazie alla spinta accelerata del PNRR, ma anche all’avvio di cicli di programmazione, europei e nazionali, destinati alla realizzazione di interventi in grado di affrontare e risolvere nodi strutturali e di sistema che da troppo tempo bloccano la crescita, produttività e la competitività, con effetti ormai insostenibili per la coesione economica e sociale.

IL TEMA DEL CONVEGNO

Il ritardo del Mezzogiorno e delle sue diverse Regioni e la dinamica declinante del Centro-Nord possono e devono trasformarsi in un’opportunità straordinaria, per avviare un processo di convergenza socioeconomica dell’intero Paese alle diverse scale territoriali – regionale, nazionale ed europea – cogliendo appieno le sfide poste dall’UE della transizione ecologica e digitale, della coesione e della resilienza, ma anche e soprattutto delle riforme strutturali. L’obiettivo deve essere quello di “anticipare” e “accelerare” nel Sud quello che serve a tutto il Paese, affidando all’intera area una missione strategica di cambiamento in una logica di integrazione e di sinergia col Centro-Nord.